Cosa aspettarsi da un percorso di crescita

Dopo il primo contatto, telefonico generalmente, in cui fisseremo un incontro gratuito e senza impegno, ci conosceremo personalmente.
In questa sede avrai modo di descrivermi il motivo per cui hai deciso di rivolgerti a me, quale tipo di difficoltà incontri in questa parte della tua vita, che ti spinge a soffermarti ad osservarla più da vicino.

Insieme costruiremo una relazione che ti aiuterà ad ascoltarti meglio, ad individuare dentro di te le risorse (già presenti) che potrai mettere in campo, se lo vorrai, per superare il momento di impasse, nelle relazioni interpersonali, di natura affettiva o professionale, nelle questioni personali, nei periodi di transizione della tua vita: adolescenza, nascita di un figlio, matrimonio, separazione, menopausa, pensionamento, lutto.

Tutto avviene all’interno di un setting in cui ti sentirai protetto, in cui la tua privacy sarà tutelata dal segreto professionale, dove l’empatia, il rispetto e l’accettazione incondizionata saranno la base e la tua motivazione il punto di partenza del lavoro che andremo a svolgere insieme attraverso una serie di colloqui (di norma 10-12) la cui frequenza (settimanale) e durata (50-60 min.), verranno definite in un contratto che stipuleremo insieme all’inizio del percorso.
(Qui trovi il codice deontologico che, in quanto socia di AssoCounseling, mi impegno a rispettare e che regolamenta i rapporti scaturenti dall’esercizio della professione di counseling).

Per dubbi, domande e chiarimenti non esitare a contattarmi utilizzando il modulo di contatto di questo sito oppure chiamandomi (v. contatti)